All Turds Float II edition

E per la seconda volta ho concluso la mia traversata, con un tempo peggiore rispetto alla prima edizione che fa il paio con la peggiore preparazione. Tuttavia la soddisfazione è forse maggiore rispetto alla prima edizione, c’erano più partecipanti e più traffico che non consentiva di nuotare impostando il proprio ritmo e la propria bracciata. Avrei potuto fare di meglio, si può sempre fare di meglio, ma è al peggio ch enon c’è mai fine per cui direi che sono molto soddisfatto.
Ma poi la cosa bella della traversata è esserci, vedere la gente alla partenza, ascoltare i racconti degli altri, scoprire la signora che è alla sua diciannovesima partecipazione e che dietro l’aspetto da nonnina cela tempi degni dei nipoti, rivedere volti incontrati l’anno prima, e trovare un comitato d’accoglienza d’eccezione all’arrivo.
Ci si rivede l’anno prossimo, forse.