Quando una storia finisce

Mi dispiace, mi dispiace davvero tanto. Ero convinto, certo, sicuro di avere trovato quella giusta, quella definitiva che sarebbe rimasta con me fino a che morte non ci avrebbe separato e invece…
E invece te ne vai, inutile cercare le vere responsabilità di questa fine prematura, entrambi ci abbiamo messo del nostro perché finisse così. Il destino ha fatto il resto, perseguitandoci con una serie di inciampi infilati lungo il nostro cammino che ci ha portati dritti dritti, senza alcuna sbandata mai, fino al bivio.
Tra pochi giorni tu andrai per la tua strada e io proseguirò sulla mia con la consapevolezza che insieme non avremmo potuto proseguire oltre, ma anche l’amarezza per tante cose, tante piccole e grandi emozioni che tu mi hai saputo regalare e che, difficilmente ritroverò andando avanti.
Certo, non rimpiangerò quella tua scorbuticità alla mattina, o quel fruscio che non mancava mai quando stavamo insieme. Però mi mancheranno moltissimo la tua concretezza, la tua capacità di affrontare ogni situazione e superare ogni ostacolo con piglio deciso.
Mi hai regalato grandissime emozioni e mi hai supportato quando ho deciso di togliermi qualche sassolino. Alle altre che ti guardavano altezzose tu hai sempre risposto a muso duro dimostrando con i fatti e non con le parole la tua superiorità. Hai sempre scelto di mantenere un profilo basso perché non si accorgessero del tuo vero valore e ti permettessero di essere felicemente te stessa.
Mi hai fatto girare la testa fin dal primo momento e poi, una volta insieme, mi hai fatto sentire accolto, sicuro e mi hai fatto capire che avere piedi ben piantati a terra non impedisce di volare alto.
Quelle che ti hanno preceduto erano ragazzine, l’ideale per divertirsi; tu sei la donna, quella con cui mettere a posto la testa, anche se non ci sei riuscita veramente chiudendo più di un occhio alle mie mattate di mezza età.
Lo so, chi ha sbagliato di più sono io. Ero convinto che quei piccoli difetti che conoscevo di te non avrebbero intaccato il nostro amore, e che il feeling che avevamo instaurato ci avrebbe garantito un gran futuro. Purtroppo però quello stesso destino che ci ha fatto incontrare, oggi ci costringe a separarci. Mi hai rubato un pezzo di cuore e io un pezzo del tuo, però entrambi sappiamo che solo due cuori interi possono essere felici insieme.
Allora buona strada Forry, ovunque andrai saprai far felice chi affronterà con te un pezzo del suo cammino. Sono tante le cose che mi mancheranno, ma spero di riuscire a compensare la tua mancanza trovando altre frecce per il mio arco. Le pleiadi continueranno a brillare e io potrò guardarle da quaggiù, nel silenzio più totale, con un po’ di leggerezza in più e qualche prurito in meno.

PERCHÈ SI
Per la trazione permanente AWD
Per la gran coppia del motore
Per la capacità di carico
Per la seduta alta
Per la spaziosità dell’abitacolo
Per la comodità in 2, 3, 4 o 5

PERCHÈ NO
Non ci sono lati negativi tali da farne un elenco. Il NO è fondamentalmente legato a questioni pratiche. Rispetto alla mia versione, la nuova ha migliorato quegli elementi che mi infastidivano come la rapportatura del cambio e l’eccessiva, a mio avviso, demoltiplicazione dello sterzo. Per gli altri elementi che a me infastidivano, devo riconoscere che si tratta di quisquiglie: la rumorosità di rotolamento assolutamente non filtrata, la qualità della verniciatura eccessivamente delicata, alcuni dettagli interni che trovo discutibili, ma che sono stati comunque migliorati nelle versioni aggiornate.
Ho pure pensato di cambiarla con la nuova versione la mia Forry, ma non l’ho fatto perché alla fin fine io no ho bisogno di un’auto la cui trazione mi permetta di andare ovunque e con ogni condizione visto che mi muovo esclusivamente su asfalto e qui non nevica praticamente più (anche se quest’anno mi aspetto abondanti e frequenti nevicate). Non ha più senso per me avere un diesel visti i pochi km che percorro, i limiti oggettivi del DPF e le normative sempre più stringenti.
E quindi sotto un’altra, sperando sia quella giusta.

Ho rimpianto moltissimo la Mini perchè è l’auto che mi ha dato più soddisfazioni e, già so, che rimpiangerò molto la Forry perché se c’è una cosa che la vita ti insegna è che una scelta ne esclude altre. Botte piena e moglie ubriaca non si può, non in questo caso.

2 pensieri su “Quando una storia finisce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *